Il Turing Award

Pubblicato su Scienza in Rete

Il Turing Award è un premio annuale assegnato dalla Association for Computing Machinery (ACM) a coloro che abbiano fornito grandi contributi di natura tecnica alla comunità del computing e al settore informatico. Il massimo riconoscimento cui può aspirare un informatico prende il nome dal padre dell’informatica, Alan Turing, e viene spesso definito il Premio Nobel del calcolo automatico. A partire dal 2007, l’onorificenza è accompagnata da un premio di 250000 dollari, grazie al sostegno finanziario fornito da Intel e da Google. Ogni vincitore, durante la cerimonia di premiazione, tiene una lezione che sarà pubblicata su un periodico dell’ACM. Il primo a fregiarsi del titolo di “erede” di Turing, nel 1966, è stato Alan Perlis, della Carnegie Mellon University. La lista completa dei vincitori è disponibile sul sito dell’ACM, con una breve descrizione delle loro scoperte e invenzioni più significative. Frances E. Allen, della IBM, è stata la prima donna, nel 2006, a vincere il premio dopo 40 anni. Anche nel 2008 il premio è stato assegnato a una donna, Barbara Liskov, per i contributi allo sviluppo dei linguaggi di programmazione e progettazione di sistemi, specialmente nel campo di astrazione dati, tolleranza degli errori e algoritmi di computazione distribuita. Nel 2009 è stato premiato Charles P. Tacker, per la progettazione e la realizzazione pioneristica del primo personal computer moderno, lo Xerox Alto, e per le invenzioni e i contributi alle reti locali (compresa l’Ethernet), le workstation multiprocessore, per gli studi sulla coerenza dei protocolli cache e per i Tablet. Leslie G. Valiant, il vincitore del 2010, ha ricevuto il premio per i contributi alla teoria della computabilità, della complessità computazionale e dell’enumerazione, alla teoria del calcolo algebrico, parallelo e distribuito. Judea Pearl, infine, è il vincitore dell’edizione 2011. Il professore della University of California, Los Angeles, è stato premiato per il contributo fondamentale dato allo sviluppo dell’intelligenza artificiale. Il suo lavoro sta alla base di software ormai famosi, come l’assistente vocale Siri, presente su Apple iPhone 4S, oppure la tecnologia di guida automatica della Google Car. Il 15 e 16 giugno 2012, presso il Palace Hotel di San Francisco, 34 vincitori del Turing Award si sono riuniti tutti insieme, per la prima volta, per onorare il 100° anniversario della nascita di Alan Turing e riflettere sul suo contributo, così come sul passato e sul futuro del computing.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.